Preparazione alla cova di una coppia di Poicephalus Senegalus

10

Posted by gianluca.difazio | Posted in Articoli | Posted on 04-01-2010

Testo e foto di Pierpaolo Palozzo
Poicephalus Senegalus

Coppia di Parrocchetti del Senegal Allevamento del Sole

Il periodo di riproduzione di una coppia di Parrocchetto del Senegal coincide con la piena stagione invernale, pertanto è necessario un alloggio riparato e ben esposto alle poche ore di luce naturale disponibili nell’arco del giorno.

Un discorso a parte merita l’alimentazione, che seppur semplice e basata su alcune nozioni fondamentali, deve essere ricca e accurata.

La nostra esperienza ci ha portati ad utilizzare un buon misto per grandi pappagalli tagliato al 30% con un misto per parrocchetti, moderando però le dosi e cercando di fornire loro poco più del fabbisogno giornaliero; un buon pastone disidratato alla frutta può essere un ottimo integratore per tutta la stagione misto ad estrusi alla frutta di buona qualità.

Verso la fine di novembre iniziamo col fornire loro del misto per colombi da gara integrato con fagioli mung e girasole nero, il tutto ammollato per 24 ore ed asciugato con un buon pastone secco; nella stessa ciotola forniamo a rotazione frutta e verdura di stagione.

Iniziamo col somministrare il misto di cui sopra 2 volte a settimana per le prime 4 settimane, avendo l’accortezza di rimuovere gli avanzi alla sera od al mattino seguente; poi portiamo la somministrazione a 3 volte a settimana fino a fornirlo a giorni alterni quando la coppia inizia a frequentare assiduamente il nido; dopodiché lo forniamo quotidianamente finché non arriva l’eventuale deposizione (in genere 3 o 4 uova).

Durante la cova torniamo a fornire semi ammollati e frutta a giorni alterni e dopo l’eventuale schiusa di nuovo tutti i giorni fino a fine svezzamento dei piccoli, avendo l’accortezza di abbondare con misto semi e pastone alla frutta.

Acqua sempre fresca e abbondante, nella quale somministriamo a giorni alterni del calcio in polvere e complessi vitaminici a base di vitamina E e selenio.

Comments (10)

Grazie per la tua scheda!
Mi servirà molto
Saluti
Giuseppe

Grazie a te Giuseppe. Non esitare a contattarci per ogni altro eventuale consiglio!

imparato molto

Ciao. Grazie per condividere le vostre esperienze con noi lettori. Io ho una coppia di cattura con me da metà Dicembre 2009, alloggiata in una voliera esagonale da 90 x 150, posizionata all’esterno, dopo qualche settimana che erano, misi del truciolo ed un pò di torba, notavo sul fondo della voliera, pezzi di truciolo usciti dal nido. Con l’arrivo della primavera le loro visite al nido sono finite.
L’alimentazione: somministro estrusi della zoopreem da allevamento e da mantinememnto con alternanza casuale, frutta e verdura di stagione (sul fondo della gabbia) semi ammollati. Volevo chiederti oltre a darmi qualche consiglio, vista la mia breve esperienza, se affianco un’altra coppia, (ma visti i prezzi + giovane) potrebbe essre da stimolo???
Grazie.

salve toglimi un dubbio ma perche’harrison’s afferma che al cenerino e meglio somministrare sempre gli estrusi da riproduzione(Confezione Rossa)piuttosto che l’azzurra da mantenimento??considerando che la maggioranza dei pet non si riprodurranno mai??.che ne pensi del mangine della unifeed.

Ciao Ernesto,
sinceramente anche noi al cenerino PET somministriamo estrusi da riproduzione. L’importante è non esagerare nelle dosi. Del mangime della unifed ne ho sentito parlare ma non l’ho ancora provato.

Grazie per aver realizzato questo bel sito, io allevo lori, ma mie è stato di grande utilità per l’allestimento dei nidi per parrocchetti, molto ben illustrato e spiegato nei dettagli.
Auguri per la stagione cove.
Marco

Grazie Marco…è sempre un piacere condividere le proprie esperienze con gli altri “colleghi” allevatori!!
Anche a te in bocca al lupo per la prossima stagione cove.

ciao molto utile il tuo articolo
volevo chiederti secondo in quali dosi posso integrare il misto per colombi con fagili mung e girasole nero.
oggi ne ho comprato un po’ di misto per colombi ma leggendo sulla confezione pare che è di solo il 12,50% di proteine e quindi non sufficentemente proteico.

ciao a presto.
pietro.

Ciao Pietro,
ti ringrazio per le parole di stima.
Diciamo che indicativamente aggiungo un 5% di fagiolo Mung ed un 5% di girasole bianco.

Write a comment